Posted on Lascia un commento

Prevenzione degli errori in sanità: il metodo FMECA

Esistono sistemi di analisi che hanno il fine di individuare le criticità di sistema ed i possibili ambiti d’errore umano in una logica preventiva, quindi prima che essi accadano. Di questi il più utilizzato è il metodo FMECA

 

Dal momento che in ogni organizzazione sanitaria l’errore e la possibilità di un incidente non sono eliminabili, devono essere utilizzati tutti gli interventi possibili perché siano, per lo meno, prevenibili. Ma come è possibile, concretamente, identificare i pericoli e stimare i rischi in senso preventivo?  Continua a leggere Prevenzione degli errori in sanità: il metodo FMECA

Posted on Lascia un commento

Sicurezza in ospedale: creazione di una rete di referenti aziendali per il rischio clinico

L’errore può divenire una straordinaria occasione di apprendimento se viene comunicato e condiviso all’interno dell’azienda. A tale scopo può essere efficace la costituzione di una rete di referenti aziendali per il rischio clinico

 

Una struttura sanitaria che intenda promuovere concretamente la prevenzione del rischio clinico deve coinvolgere, in modo sistemico e strutturato, tutte le articolazioni aziendali. Infatti nessun sistema di prevenzione sarà mai veramente efficace senza la piena partecipazione di tutti i Professionisti (ricordiamo che il rischio clinico è la possibilità che un paziente subisca un danno involontario imputabile alle cure sanitarie).  Continua a leggere Sicurezza in ospedale: creazione di una rete di referenti aziendali per il rischio clinico

Posted on Lascia un commento

Quando l’operatore sanitario è chiamato a risarcire: la responsabilità civile

Illustriamo in questo articolo le principali caratteristiche della responsabilità civile degli operatori sanitari e le principali modifiche che sono state apportate su tale materia dalla Legge n. 24/2017 (legge “Gelli”)

 

Il diritto civile ha un diverso ambito e una diversa finalità rispetto al diritto penale. Mentre il diritto penale, che è un diritto pubblico, punta a reprimere le violazioni dell’ordine giuridico generale mediante punizioni, il diritto civile è un diritto privato e si pone come finalità la tutela degli interessi privati e la reintegrazione del patrimonio della persona lesa attraverso il risarcimento dei danni.[1]

Tradizionalmente la distinzione della responsabilità civile viene operata tra responsabilità contrattuale e responsabilità extracontrattuale. Questi termini, che potrebbero apparire ad un primo impatto astrusi, sono abbastanza semplici. Continua a leggere Quando l’operatore sanitario è chiamato a risarcire: la responsabilità civile

Posted on Lascia un commento

Soccorso preospedaliero al paziente con frattura del femore: trattamento e gestione del dolore

Un precoce e corretto trattamento al paziente con frattura del femore rappresenta un indicatore di buon funzionamento clinico ed organizzativo (oltre che culturale) di un sistema di emergenza sanitaria territoriale

 

ATTENZIONE: le nozioni e le informazioni riguardanti procedure mediche e infermieristiche, posologie e/o descrizioni di farmaci o presidi sanitari contenute nel presente articolo hanno fine unicamente illustrativo pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere dei professionisti sanitari abilitati.

 

Premessa

La frattura del femore è più frequente nelle persone anziane. La persona anziana va incontro a frattura più di frequente a causa dell’osteoporosi, una patologia che comporta la riduzione della forza delle ossa e le espone a un rischio maggiore di lesione. Continua a leggere Soccorso preospedaliero al paziente con frattura del femore: trattamento e gestione del dolore

Posted on Lascia un commento

Due miti da sfatare sulla legge “Gelli” (responsabilità professionale sanitaria)

 

Alcune false credenze sulla legge “Gelli”, la legge sulla responsabilità professionale sanitaria, rischiano di essere molto pericolose

 

Primo mito da sfatare: “Non c’è obbligo di assicurazione per gli operatori sanitari

Una sentenza[1] di questi giorni ha lasciato intendere che, nell’attesa della pubblicazione dei decreti attuativi previsti all’articolo 10 della legge n. 24/2017 sulla responsabilità professionale sanitaria (c.d. legge “Gelli”),[2] non sia ancora obbligatorio assicurarsi contro eventuali richieste risarcimento danni da parte del paziente (i decreti attuativi stabiliranno i requisiti minimi che i nuovi contratti assicurativi dovranno avere). Continua a leggere Due miti da sfatare sulla legge “Gelli” (responsabilità professionale sanitaria)