Pubblicato il

Come contenere un’emorragia massiva degli arti in ambito preospedaliero?

Il posizionamento tempestivo del tourniquet in caso di emorragia massiva può limitare la perdita ematica e salvare la vita al paziente. Ma che cos’è precisamente? Vediamolo in questo articolo

 

La legge “Gelli” sulla sicurezza delle cure e la responsabilità professionale ha sancito di fatto l’obbligatorietà per gli esercenti le professioni sanitarie di attenersi alle linee guida.[1] [2] Nel portale del nuovo Sistema Nazionale Linee Guida (SNLG) dell’Istituto Superiore di Sanità sono pubblicate le linee guida validate cui debbono fare riferimento gli operatori sanitari nell’ambito delle loro attività. È stata recentemente pubblicata una linea guida aggiornata contenente indicazioni sull’uso del tourniquet in emergenza per il contenimento dell’emorragia massiva.[3] Il tourniquet è un dispositivo il cui scopo è quello di fermare un’emorragia grave che potrebbe mettere a rischio la vita del ferito (foto in alto).

L’emorragia è tra le cause maggiori di morti potenzialmente prevenibili sia nel contesto militare sia civile.[4] Gli scenari di emergenza che potrebbero richiedere l’utilizzo del tourniquet includono incidenti automobilistici, ferite da arma da fuoco, tagli profondi o un arto schiacciato correlato a un infortunio sul lavoro.

Dalla letteratura emerge che nei pazienti traumatizzati gravi con emorragia massiva dagli arti a rischio di vita è preferibile l’utilizzo del tourniquet alla compressione diretta. L’esperienza comune indica che il controllo delle emorragie critiche degli arti sulla scena è estremamente complicato con l’utilizzo della compressione locale e diventa di più semplice ottenimento con il posizionamento di un tourniquet a monte della ferita. Inoltre tale procedura consente di liberare l’operatore dall’azione emostatica e gli permette di poter affrontare altre tipologie di emergenza determinando cosi anche un vantaggio di tipo logistico ed organizzativo. Il tourniquet va rimosso appena disponibile emostasi chirurgica efficace, possibilmente entro 30-40 minuti (per prevenire eventi avversi legati alla permanenza del tourniquet).

Se applicato per un lungo periodo il tourniquet può causare danni permanenti a muscoli, nervi e vasi sanguigni.[5] All’arrivo in ospedale è necessario avvisare il personale medico della presenza del tourniquet comunicando l’esatto orario della sua applicazione.

Il tourniquet è indicato per lesioni agli arti e non può essere utilizzato per lesioni alla testa, al collo o al busto. Per il controllo di emorragie esterne nei pazienti traumatizzati gravi a rischio di vita in cui non è possibile l’utilizzo del tourniquet, si raccomanda la compressione diretta e si suggerisce eventualmente l’uso aggiuntivo di medicazioni emostatiche.

L’utilizzo del tourniquet è una procedura limite, una risorsa estrema che dovrebbe essere adottata in ambito pre-ospedaliero in caso di emorragia incontrollata e/o di prolungato tempo di trasporto all’ospedale. L’utilizzo del tourniquet è meno indicato nel caso di emorragie non critiche controllabili facilmente con pressione locale. Ciò può essere effettuato applicando una pressione con la mano, con una fasciatura o una medicazione compressiva.[6] Anche il bracciale dello sfigmomanometro può essere utilizzato temporaneamente per diminuire il flusso sanguigno dell’arto mentre viene applicata una medicazione compressiva.[7] 

Una delle barriere che disincentiva l’utilizzo del tourniquet anche in situazioni di emergenza è la mancanza di formazione degli operatori in questo campo.[8] Questo video della Polizia di Stato spiega come è fatto e come si usa.  

 

 

In un altro articolo abbiamo visto le modalità di esecuzione della lavanda gastrica in emergenza (link).

Siamo anche su Facebook (qui). Puoi condividere il presente articolo attraverso i pulsanti che trovi in basso

 

BIBLIOGRAFIA

[1] Decreto del Ministero della Salute 27 febbraio 2018 “Istituzione del Sistema Nazionale Linee Guida (SNLG)

[2] Legge n. 24/2017. “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”. Art. 5

[3]Linea Guida sulla Gestione Integrata del Trauma Maggiore dalla scena dell’evento alla cura definitiva”. LG-ISS-SNLG-3. Raccomandazioni n.8 e n.9. Settembre 2020 (link)

[4] Teixeira et al., 2007

[5] Lee C, Porter KM, Hodgetts TJ. “Tourniquet use in the civilian prehospital setting”. Emergency Medicine Journal 2007;24:584-587

[6] Limmer D. O’Keefe M. “Pronto Soccorso e interventi d’emergenza”. McGraw Hill, 10^ ed., 2005. Pag. 528

[7] Ibidem. Pag. 532

[8] Wright et al., 2015

 

Creative Commons License