Pubblicato il

Come prevenire le cadute dal letto in ospedale nei soggetti a rischio?

Le cadute dal letto in ospedale sono frequenti, soprattutto nei pazienti a rischio. Vediamo quali accorgimenti è possibile adottare per evitarlo

 

Le cadute dei pazienti sono tra gli eventi avversi più frequenti all’interno delle strutture sanitarie e socio sanitarie.[1] Per gli operatori sanitari la prevenzione di tale fenomeno assume importanza non solo dal punto di vista etico ed umano, per i danni al paziente, ma anche per le conseguenze in termini di responsabilità civili e penali a cui possono andare incontro in caso di denuncia. Nel 2013 un’infermiera di una UTIC è stata condannata per omicidio colposo per la caduta di un paziente dal letto con conseguente decesso per trauma cranico. La motivazione è stata la mancata apposizione, da parte dell’imputata, delle spondine al letto.[2]

Per evitare tali incidenti, la struttura ed i professionisti sanitari devono adottare idonee misure di prevenzione e di sicurezza, con particolare attenzione verso quei pazienti che per la loro condizione non sono in grado di provvedere a se stessi, come pazienti psichiatrici o con patologie neurologiche senili.

In alcuni casi per evitare le cadute dal letto in tali soggetti è necessario ricorrere alla contenzione e/o alla limitazione della libertà di movimento.

È possibile distinguere la contenzione fisica, cioè attuata attraverso strumenti volti a bloccare e immobilizzare l’individuo costringendolo ad una struttura o ad un supporto di una qualche specie dalle forme di contenzione farmacologica, le quali, si caratterizzano per la somministrazione di farmaci di varia natura che riducono grandemente la capacità di movimento della persona, affievolendone per lo più lo stato di coscienza e vigilanza. La contenzione farmacologica è ammissibile solo quando rappresenti un intervento sanitario e sia parte integrante della terapia.[3]

La contenzione fisica deve essere applicata limitatamente ai casi strettamente necessari, sostenuta da prescrizione medica o da documentate valutazioni assistenziali da parte del personale infermieristico, e dopo aver corretto le cause scatenanti ed adottato ogni possibile strategia assistenziale alternativa ad essa.[4]Sono vari i luoghi nei quali si ricorre a tale pratica, per ridurre cadute dal letto: i servizi di neuropsichiatria infantile, le residenze sanitarie assistenziali (Rsa), i reparti di medicina e quelli geriatrici, i Pronto Soccorso, le Rems, le case di cura private e le comunità terapeutiche sono tutte strutture all’interno delle quali può accadere che i pazienti vengono contenuti con vari mezzi.

La contenzione fisica avviene bloccando o inibendo il movimento con apposite tecniche di immobilizzazione e applicando al corpo della persona, o nello spazio circostante, dei dispositivi fisici e meccanici quali corpetti con bretelle e cinture, bracciali o fettucce per polsi e caviglie, cinture di sicurezza.[5] Le spondine per il letto non sono una forma di contenzione se usate per proteggere il soggetto dalla caduta accidentale dal letto.[6]

Come detto la contenzione deve essere applicata limitatamente ai casi strettamente necessari, pertanto questa dovrà essere confermata di volta in volta dal medico al cambio turno dopo aver provveduto alla verifica dei requisiti indicanti lo “Stato di necessità”,[7] con annotazione in cartella clinica degli stessi. Fuori dagli elementi che la giustificano la contenzione è illecita e il medico e il personale sanitario che la applicano, sottoponendo il paziente a una illegittima privazione della libertà personale, rischiano di incorrere nel reato di “Sequestro di persona”.[8]

Al monitoraggio medico si accompagna il monitoraggio infermieristico per la prevenzione di eventuali danni iatrogeni da contenzione (abrasioni, ulcere da decubito, edemi agli arti, ematomi, ecc.). L’infermiere registra le osservazioni sulla documentazione infermieristica e, se necessario, informa il medico. In situazioni di emergenza ed in assenza del medico l’infermiere può decidere di applicare la contenzione, tuttavia, questa decisione deve essere comunicata, valutata e formalizzata in cartella clinica dal medico nel più breve tempo possibile.[9]

 

Esistono alternative alla contenzione?

Numerosi sono gli interventi proposti dalia letteratura per ridurre la possibilità di movimento del soggetto e prevenire cadute dal letto: materasso concavo, ad acqua, coperte arrotolate poste ai bordi del letto. Altri interventi sono finalizzati ad attutire le conseguenze di una caduta accidentale: tappeti morbidi posti sui pavimento a fianco del letto, il coricare il soggetto sul materasso posto sul pavimento, l’abbassare il piano del letto all’altezza minima. Per facilitare i movimenti autonomi minimizzando il rischio di caduta sono proposti: altezza del letto adattata all’altezza del soggetto, “trapezio” per aumentare la mobilità a letto, sedia o poltrona posta a fianco del letto per facilitare i passaggi posturali, strisce antiscivolo sul pavimento vicino al letto.[10]

 

 

In un altro articolo abbiamo visto in quali responsabilità possono incorrere operatori sanitari e aziende in caso di caduta del paziente in ospedale (link).

Siamo anche su Facebook (qui). Puoi condividere il presente articolo attraverso i pulsanti che trovi in basso.

 

BIBLIOGRAFIA

[1] Ministero della Salute. Monitoraggio degli eventi sentinella. 5° Rapporto (settembre 2005-dicembre 2012). Roma, 2015

[2] Cassazione penale, sez. IV, sentenza 17/05/2013 n° 21285

[3] Ministero della salute. “Raccomandazione per la prevenzione e la gestione della caduta del paziente nelle strutture sanitarie”. Pag. 12 (link)

[4] Ibidem

[5] Manicardi N. “Italiani da slegare”. KOINè Nuove Edizioni,2010. Pag. 23

[6] Senato della repubblica.  XVII Legislatura. Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani. “La contenzione meccanica”. Audizione della Dott.ssa B. Mangiacavalli, Presidente Ipasvi. 2016. Pag. 56 (link)

[7] Art. 54 c.p

[8] Corte di Cassazione, Sez. V, sentenza 20 giugno 2018, n. 50497

[9] Regione Lazio. Determinazione 25 ottobre 2016, n. G12356 “Approvazione del “Piano Regionale per la prevenzione delle cadute dei pazienti“. Pag. 13

[10] Senato della repubblica.  XVII Legislatura. Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani. “La contenzione meccanica”. Audizione della Dott.ssa B. Mangiacavalli, Presidente Ipasvi. 2016. Pag. 58

 

Creative Commons License