Pubblicato il

Impianti dentali, cosa sono e come funzionano? Una breve guida

Vediamo in questo articolo cosa sono gli impianti dentali, come funzionano e perchè non c’è da aver paura

 

Cosa sono gli impianti dentali? L’impianto è una protesi necessaria a sostituire uno o più denti andati perduti. È costituito da una piccola vite in titanio progettata per sostituire la radice di un dente naturale mancante. La vite è inserita all’interno delle ossa mascellari o mandibolari per mezzo di una manovra molto semplice ed assolutamente indolore, praticata in anestesia locale. L’osso si consoliderà attorno alla radice permettendogli cosi di sopportare i carichi masticatori. Passato un periodo adeguato di tempo, alla radice viene avvitato un “moncone” che costituirà il supporto sopra cui si inserirà la corona in ceramica, cioè il dente vero e proprio (vedi foto sotto).

Per l’installazione di un impianto dentale è assolutamente indispensabile che gengive e tessuto osseo mascellare o mandibolare siano in buona salute. In presenza di patologie, come per esempio la parodontite, per poter accogliere l’impianto è necessario procedere preliminarmente alla ricostruzione dell’osso. Questi interventi sono quelli un po’ più complessi e per i quali è più alto il rischio di eventuali complicanze, anche a distanza di anni (es. infiammazione).

Gli impianti dentali sono adatti a persone di ogni età e non danno problemi di rigetto, né di allergia.

Il fallimento immediato dell’impianto si verifica in rarissimi casi, nell’ordine del 2-3 %. L’impianto può durare anche tutta la vita a patto che il paziente abbia cura della propria igiene orale e si sottoponga a visite periodiche di controllo dal dentista.

E assolutamente da evitare quello che i dentisti chiamano “carico immediato” cioè l’utilizzo dell’impianto senza attendere il periodo di tempo di qualche mese necessario all’osso per aderire adeguatamente alla radice artificiale.

Molti sono spaventati dai costi degli impianti dentali ma se si considera che con le protesi tradizionali (il classico “ponte”) è necessario intaccare più denti per sostituirne solo uno ecco che l’impianto diventa la scelta più conveniente.

 

Siamo anche su Facebook (qui). Puoi condividere il presente articolo attraverso i pulsanti che trovi in basso.

 

Creative Commons License