Pubblicato il

Morte Floyd: una maggiore preparazione sanitaria della polizia avrebbe evitato l’evento?

La morte di George Floyd per asfissia potrebbe essere correlata ad una scarsa preparazione delle forze di polizia dal punto di vista sanitario?

 

Le immagini del corpo senza vita del povero George Floyd (foto in alto), l’afroamericano di 46 anni brutalmente assassinato il 25 maggio 2020 da alcuni poliziotti a Minneapolis, hanno indignato tutto il mondo.

I poliziotti erano consapevoli di essere filmati nel momento in cui la brutale aggressione avveniva, per cui si dovrebbe escludere la volontarietà della loro azione. Sorge allora una domanda: la morte di George Floyd per asfissia potrebbe essere correlata ad una scarsa preparazione delle forze di polizia dal punto di vista sanitario? Cioè ad una mancata consapevolezza di poter uccidere? A ciò fa pensare la dinamica dei fatti, non altrimenti si potrebbe spiegare quanto accaduto. Floyd è morto per soffocamento dovuto alla compressione del ginocchio del poliziotto sul collo per otto lunghi minuti e questo è giustificabile solo se si ignora che ciò può condurre una persona a morte.

Non uno ma quattro poliziotti hanno partecipato al brutale episodio. Volevano tutti uccidere? E’ difficile crederlo, è più verosimile che non avessero coscienza di ciò che stavano facendo. 

Le tecniche di immobilizzazione in cui è prevista la pressione delle ginocchia sui sospetti a terra, in posizione prona, sono utilizzate dalle forze dell’ordine di tutto il mondo. A tali tecniche si accompagna anche una preparazione sanitaria? Se i poliziotti americani avessero avuto una preparazione sanitaria, anche minima, e di conseguenza avessero saputo cosa è lecito fare e cosa no in tali situazioni, forse George Floyd sarebbe ancora vivo.

Non si può non riconoscere l’importanza di questo problema. Tutti possiamo commettere un errore ma questo non significa dover andare incontro a giustizia sommaria. La sicurezza dei cittadini, in tutte le sue forme, deve essere sempre tutelata.

Un’adeguata formazione in materia sanitaria, per tutte le forze di polizia, dovrebbe essere un obbligo. Ciò costituirebbe una sicurezza non solo per i cittadini ma anche per gli stessi agenti di polizia considerando le conseguenze civili e penali alle quali possono andare incontro in caso di morte o grave danno alla persona. Alla morte di Floyd è seguito l’arresto dei quattro agenti di polizia intervenuti e il responsabile materiale dell’omicidio, l’agente Derek Chauvin, è stato condannato a 22 anni e mezzo di carcere.

In un mondo ipertecnologico come quello attuale sono gli stessi cittadini che documentano cosa accade intorno a loro ed è difficile ormai non finire nell’obiettivo di qualche curioso, motivo in più per evitare comportamenti inappropriati, che possono essere gravidi di conseguenze come abbiamo detto. Lo stesso video che ha permesso di inchiodare gli agenti coinvolti nell’omicidio di Floyd è stato girato in strada da una passante con il suo cellulare.

A scanso di equivoci chiariamo che con questo articolo non vogliamo in alcun modo difendere i responsabili di questo ignobile gesto ma solo portare all’attenzione del lettore una problematica del quale nessuno parla. Infatti, al contrario di quello che si potrebbe pensare episodi come questo non sono infrequenti, non solo negli USA ma in tutto il mondo, Italia compresa.

 

In un altro articolo abbiamo parlato delle aggressioni agli operatori sanitari e cosa fare per evitarle (qui).

Siamo anche su Facebook (qui). Puoi condividere il presente articolo attraverso i pulsanti che trovi in basso.

 

BIBLIOGRAFIA

  1. Montalto Monella L. “In quali Paesi europei è consentita la manovra di immobilizzazione che ha ucciso George Floyd?”. Articolo pubblicato sul sito Euronews in data  05-06-2020 (link
  2. Riccardi K. “Usa, un altro afroamericano soffocato dagli agenti: Manuel Ellis, 33 anni. Un nuovo video sconvolge l’America“. Articolo pubblicato sul sito Repubblica in data 06-06-2020
  3. Sito web Il Post. “Negli Stati Uniti si discute di una profonda riforma dei dipartimenti di polizia“. Articolo pubblicato in data 06-06-2020 (link)
  4. Sito web Il Post. “Derek Chauvin è stato condannato a 22 anni e mezzo di carcere per la morte di George Floyd“. Articolo pubblicato in data 25-06-2021 

 

Creative Commons License